Immersioni da riva

La fornace

Come arrivarci.
Dal paese di Onno proseguire per un chilometro, direzione Bellagio, pochi metri prima del camping la Fornace si potrà vedere un minuscolo posteggio, pochi passi e siamo in acqua. D'estate è quasi impossibile trovare posto per l'auto.

Coordinate:
N 45° 55' 18.6'' E 9° 17' 24.8''

Inserisco questa breve nota dicendo che da molti anni non mi immergo in questo punto, ma non penso che il fondale sia cambiato in maniera radicale, adatto per chi comincia questa attività o per provare a esempio la muta stagna o altre parti dell'attrezzatura. Facile entrare in acqua, il fondo non presenta nessuna attrattiva, il fango è ovunque, più interessante dirigersi in direzione del camping, il fondale procedendo si muta in pietraia, se i miei ricordi sono giusti tra i quindici e venti metri si vedrà una barca di piccole dimensioni di colore azzurro. Prima di questa zona di fronte al primo campeggio appena lasciato il piccolo centro di Onno, alla profondità di otto - dieci metri è installata una piattaforma dove abitualmente si svolgono corsi sub, per localizzarla usare come riferimento un corto e basso muretto malandato perpendicolare alla strada, davanti a esso c'è la piattaforma.


La spiaggia confinante al camping "la fornace"

Colonia a.t.m.

Come arrivarci.
Superando la frazione di Vassena di incontrerà sulla sinistra un grosso edificio abbandonato (ex colonia A.T.M.) di colore giallo, poco prima sul lato destro  della strada c'è un piccolo posteggio, proseguendo a piedi scavalcare un muricciolo e seguire il sentiero fino alla sua entrata in acqua.
Nota: agosto 2008. Il posteggio sopraindicato è sparito per fare posto a una costruzione in cemento che ospiterà delle grosse pompe come completamento della fogna in costruzione da molti mesi seguendo la strada fino a Valmadrera (Lecco).

alloggio pompe



Coordinate: N 45°57' 3.9'' E 9° 16' 36.5''

È consigliato portare una bussola subacquea - la prima volta almeno - per il fondale completamente piatto nei primi metri. Pinneggiando sempre verso il largo si troverà a 30 - 35 metri dalla superficie l'inizio della parete. Essa scende rapidamente con ampi crepacci superando la profondità di 70 mt. La parte più interessante si estende nella direzione di Onno, ricordando però che questa formazione rocciosa non ha una grande estensione. Il ritorno mantenendo quote meno impegnative non è molto esaltante per il grande strato di fango e per la scarsa visibilità da esso provocata.

la darsena della colonia ATM
La darsena della colonia

 

Limonta

Come arrivarci.
Dista dal piccolo paese di Onno Km 5.4. Una volta superata la trattoria "da Anna" situata sulla destra in direzione di Bellagio, imboccare dopo un centinaio di metri la strada - via imbarcadero - che porta al pontile della navigazione lago Como.

Coordinate: N 45° 57' 22.608'' E 9°16' 22.440''

pontile d'imbarcoPrima d'immergersi nel periodo estivo è caldamente consigliato consultare l'orario dei battelli della navigazione lago Como per la presenza dell'imbarcadero a pochi metri dall'entrata in acqua, evitando così delle spiacevoli sorprese durante la tappa di decompressione per il passaggio dei battelli sulla vostra testa e la presenza di una motovedetta pronta a multarvi appena riemergerete. L'orario di transito dei battelli potete controllarlo qui. Il fondo è ciottoloso per parecchi metri poi a -15 mt. si trova un salto di roccia. Piegando verso destra ci si imbatte in una parete con il fondo a -54 mt.  A 28 mt. di profondità si trova una grossa rientranza. Nel gennaio del 1990 è stata posta a -18 mt. una statua a protezione di tutti i subacquei che si immergono in queste acque dal Embolo deep divers club. A fine febbraio 2007 è stata recuperata la vecchia sagola che porta alla statua, sostituendola con una nuova di zecca, per trovarla è sufficiente portarsi leggermente a destra durante la discesa raggiungendo 17 - 19 metri si noterà un pedagno; da quel punto inizia in percorso sagolato che porterà a destinazione dopo aver percorso un centinaio di metri.
Dirigendosi nella direzione opposta il fondo non presenta niente d'interessante, molto fango, alcuni grossi massi isolati attorno a venti metri di profondità con il fondale che scende rapidamente, alla base di uno di essi c'è una fenditura, abitat ideale per i pesci ma non facciamoci un gran conto, allontanandosi ancora di più dal punto di partenza la situazione non varia rendendo questa immersione, a parer mio, del tutto superflua. A 16 - 18 metri si potrà vedere una passerella della navigazione laghi finita chissà perché in fondo al lago.

 

sub al lavoro
Un momento del lavoro svolto

targa ricordo
La targa ricordo

Statua Cristo

articolo da "La provincia"
Articolo apparso sul quotidiano
La Provincia il 09/01/1990

realizzato da Ivano