Immersioni con Embolina

Buco dell'oca

Coordinate: N 46° 03' 52.0'' E 9° 18' 43.1''

Questo poco noto punto d'immersione di trova a sud est dal nuovo porto turistico di Dervio, si raggiunge avendo a disposizione una imbarcazione, è possibile arrivare all’acqua percorrendo uno scosceso sentiero più adatto ai pescatori con la loro leggera attrezzatura che noi subacquei con attrezzatura di ben altro peso e ingombro. Quindi ormeggiata la barca –attenzione al fondale roccioso piuttosto ripido l’àncora potrebbe non prendere- un barcaiolo a bordo anche per motivi di sicurezza eviterà problemi. Una variante per un ormeggio sicuro con un natante è fissare la prua e la poppa tra due speroni di roccia. Dalle aperture presenti lungo la vecchia galleria poco prima di raggiungere il paese di Dervio buco dell'oca percorrendo la strada statale 36 sono state gettate in acqua molti anni fa delle automobili, da tempo non è più possibile per le protezioni messe a prevenire atti di questo genere. Cominciando a scendere lungo la parete intontreremo un motociclo da fuoristrada, incontreremo attorno ai 40 metri la prima auto; una vecchia Diane dal tetto in tela e il volante sportivo fermatasi miracolosamente con le ruote poggiate al fondo, durante la costruzione della galleria il materiale estratto fu gettato in acqua costituendo in fondo dove le auto si sono adagiate. Scendendo ancora ci imbatteremo in una vecchia auto BMW 525 con il bagagliaio aperto, il cruscotto con la strumentazione è intatta, un altro veicolo non identificato è capovolto, le ruote sono sparite, forse recuperate?
Non lo sapremo mai. Proseguendo la nostra discesa ci imbatteremo attorno ai 60 metri in una vecchia Fiat 124 Coupé così parrebbe dopo aver visionato il video. L’ultima automobile si trova più in profondità, 80 metri, per vedere un rottame meglio lasciar perdere. Risalendo ci siamo imbattuti in un auto sepolta dai detriti, solamente la parte posteriore è visibile. La parete non offre molto, scende con gradualità portando il sub parecchio distante dalla costa, questa è la prima discesa effettuata al buco dell’oca di conseguenza le nostre osservazioni non sono complete come vorremmo. Se effettueremo nuove immersioni aggiorneremo questa breve nota. Adesso prelevate il filmato che vale più di mille parole.

nota del 16/01/2008
Un nostro amico di Lecco, Antonio grande appassionato di auto guardando il filmato è riuscito a idendificare con certezza l'auto semisepolta dai detriti, ebbene si tratta di un Audi 80 II serie -anni 1978-1983- l'ha riconosciuta dal fanalino posteriore sinistro! Mentre la Fiat 124 sport coupé appartiene alla seconda serie, il ciclomotore è il modello Ciao della Piaggio.

 

 

pesce persico
un esemplare di pesce persico



realizzato da Pier
il 02/12/2007