Molluschi
Viviparus contectus

Un mollusco che si pu notare nelle nostre immersioni un gasteropode della famiglia dei viviparidi, viviparus Contectus, vive in pochi metri d'acqua, di taglia media, sottile a sei sette anfratti. La colorazione della conchiglia giallastra con tre, quattro bande di colore rosso cupo, che possono essere fuse o mancare del tutto. Il corpo di colore scuro con due lunghi tentacoli, dei quali quello destro, del maschio pi tozzo e funziona da organo copulatore. Misura 4 - 6 cm. I gasteropodi, con oltre 80.000 specie, costituiscono la classe più numerosa e l'unica adattatasi a vivere, oltre che nel mare, come tutti i molluschi, e in acqua dolce, come alcuni bivalvi, anche nel terreno.

 

viviparus
viviparus Contectus nel suo ambiente


Questo mollusco bivalve, Dreissena polimorfa è presente sin dal 1969 nel bacino del lago di Como. Ricerche condotte a riguardo hanno evidenziato un aumento della trasparenza dell'acqua e una diminuzione del tenore di fosforo e nitrati dove si formano colonie di Dreissena. Questo piccolo ma invadente mollusco riesce a filtrare 750mm. di acqua al giornoDreissena polimorfa per otto mesi all'anno, si nutrono di alcune specie algali e costituisce un prezioso indicatore di rischiosi microinquinanti, P.C.B. (Bifenile Policlorato) e D.D.T.
( Dicloro Difenil Tricloroetano). Pur essendo utile, la Dreissena causa incrostazioni e ostruzioni, il bisso di cui è dotata aderisce fortemente a superficie solide come gusci di altri molluschi, fusti di piante acquatiche nonchè condotte di acquedotti, pompe di filtraggio ecc. Un raggruppamento maggiore si ha nel bacino di Como - circa 600 individui per metro quadro - decrescendo nell'alto lago. La Dreissena polimorfa è conosciuta sin dal 1700, originaria dalla Russia meridionale si è diffusa nell'Europa occidentale attraverso le grandi vie di navigazione fluviale. Negli anni sesanta probabilmente attaccata alla carena delle imbarcazioni dei turisti provenienti dal nord Europa è entrata nel nostro paese. Non è presente in Spagna. È lungo due - tre cm. ha forma triangolare allungata, il colore scuro presenta striature bianche o crema, esistono tuttavia individui a colorazione unifome, queste variazioni di colore legittima il nome scentifico polimorfa. È dotata di un bisso, secrezione si sostanza organica fibrosa che le consente di attaccarsi tenacemente a superfici dure. Si nutre di fitoplancton e zooplancton, è in grado di resistere a lungo fuori dall'acqua grazie alla perfetta chiusura della conghiglia. Finora non si è scoperto come limitare la proliferazione del mollusco.

Dreissena polimorfa
alcuni esemplari di Dreissena polimorfa

 

presente nelle nostre acque un secondo bivalve, noto anche come "mitile di acqua dolce" appartenente al genere Unio che si adattato a vivere nelle zone dove il sedimento ricco di detriti organici. Sono delle grosse conchiglie di colore giallo chiaro striato di un verde cupo. L'organismo racchiuso privo di occhi e zampe, una sottile pellicola di tessuto ricopre gli organi interni. L'unica sporgenza un tubicino che fluttua nell'acqua, si tratta di un sifone col quale l'aspira per trarre ossigeno per la respirazione e le particelle di sostanze organiche di cui si nutre, l'acqua viene poi espulsa all'esterno attraverso una apertura esalante. Con la loro attivit di filtraggio eliminano materiali in sospensione rendendo l'acqua pulita. Ogni individuo in grado di filtrare oltre quaranta litri di acqua all'ora. I bivalvi sono così chiamati per il fatto che presentano una conchiglia suddivisa in due parti dette appunto valve; sono anche detti acefali in quanto sprovvisti di capo diferenziato, o pelecipodi perché molti di essi hanno il piede a forma di scure, atto a scavare nella sabbia o nel fango. I Bivalvi possono avere le due valve simmetricamente uguali (equivalvi) oppure differenti (inequivalvi).


unio
unio